.
Annunci online

Mietzsche


Diario


28 settembre 2007

Drappo rosso

Oggi l'intero mondo libero si tinge di rosso, in segno di vicinanza e di solidarietà con il popolo birmano.
Da diversi giorni ormai, la Birmania, capeggiata dai pacifici monaci buddisti, ha coraggiosamente deciso di scendere in piazza, per manifestare contro l'oppressione esercitata da un brutale regime militare che ha ridotto il Paese in miseria. I cittadini birmani hanno attraversato le strade delle loro città per gridare ai propri governanti tutta l'insofferenza, la prostrazione, la disperazione accumulata in questi anni di feroce e iniqua dittatura. I bonzi si sono caricati sulle spalle la drammatica situazione dei loro concittadini e hanno scelto di far sentire il grido straziato di un popolo ridotto alla fame e al silenzio, pagando questa scelta anche con la morte.
I militari hanno infatti risposto seguendo la tragica abitudine delle tirannie di sparare sulla folla inerme. Se fonti governative ammettono dieci vittime in tutto, fonti non ufficiali parlano di decine e decine di cadaveri, che i soldati si sono affrettati a rimuovere dall'asfalto bagnato di sangue. Fra questi vi è anche il cadavere di un fotografo giapponese, assassinato perché intento a ritrarre le immagini della violenta repressione messa in atto dal regime. Assassinato perché simbolo ed espressione delle libertà di stampa. Assassinato perché mosso dal desiderio di  far conoscere  la drammatica condizione del popolo birmano e la spietatezza di chi lo governa al resto del mondo.
Di fronte a queste vite sacrificate in nome dei diritti e delle libertà fondamentali dell'essere umano, la comunità internazionale dovrebbe agire prontamente e fermamente, non solamente attraverso affermazioni di sdegno e di solidarietà, ma con provvedimenti concreti e incisivi, per mettere in chiara evidenza che nel 2007 nessun governo, per quanto dispotico e isolato, può permettersi di violare i diritti umani dei propri cittadini sotto gli occhi del mondo.
Come troppo spesso accade, alle affermazioni non hanno fatto seguito i provvedimenti concreti.
Le Nazioni Unite si sono dimostrate una volta di più incapaci di agire, impossibilitate finanche a decidere sulle azioni da intraprendere. Il veto posto nel Consiglio di Sicurezza dai membri permanenti Cina e Russia ha impedito l'applicazione di più gravi sanzioni economiche e politiche al regime di Yangon. Gli interessi economici e strategici di questi due Paesi hanno prevalso sulle ragioni umanitarie e sugli stessi principi riportati nella Carta delle Nazioni Unite e nella Dichiarazione Universale dei Diritti Umani. La Russia e la Cina soprattutto non sono Stati democratici, non rispettano la libertà di stampa e, più in generale, combattono quotidianamente la libertà di espressione del pensiero in tutte le sue forme. Fino a quando verrà permesso a governi autoritari della peggior risma di sedere ai vertici del potere politico internazionale, oltreché di quello economico e militare, difficilmente il multilateralismo riuscirà ad autolegittimarsi per prevalere sui vari unilateralismi, tanto inefficaci quanto dannosi.
Una riforma delle Organizzazioni Internazionali, Nazioni Unite in testa, in senso democratico è, dunque, urgente e ineluttabile; ancora più urgente è, in questo momento, mettere fine alle violenze della giunta militare contro il popolo birmano. Data la vergognosa latitanza dei governi delle grandi potenze, sta all'opinione pubblica transnazionale cercare, quantomeno, di mantere alto l'interesse e lo sdegno del mondo sul tragico evolversi della situazione in Birmania. Ognugno di noi è parte di quell'opinione pubblica, ognugno con il proprio drappo rosso.




permalink | inviato da Mietzsche il 28/9/2007 alle 15:14 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (3) | Versione per la stampa
sfoglia     febbraio       
 
 




blog letto 99189 volte
Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom

COSE VARIE

Indice ultime cose
Il mio profilo

RUBRICHE

Diario
un po' di sinistra
un po' di politica internazionale
un po' di letteratura

VAI A VEDERE

Unione europea
United Nations
DS
The Labour Party
Democrats
PES
Sinistra giovanile Lucchese
il Riformista
la Repubblica
Corriere della Sera
IL FOGLIO
Le Monde
The New York Times
The Guardian
Filosofia
Arte
Letteratura
Cinema
Falstaff
Windrosehotel
Iranwatch
Nilus
Libertari
Regimechange
Informazionescorretta
Francescoblog
Poverobucharin
Panther


Consapevolezze

 

Gomitoli di fumo

che si alzano dalla mente

mi riempiono di coscienza

 

Rime di miele

che colano dal cuore

mi appiccicano gusti d'amore

 

Mattoni rossi

che restaurano la vergogna

mi circondano di fortezza morale

 

Soffitti di lampadine

che proteggono dal vento

mi bastano per dimenticare le stelle

 

Gocce gemelle

che confondono i mari

mi danno identità

 

Catene di cristallo

mi assicurano alla vita

 

MICHELE BINCI

 


agisci in modo che la massima della tua

volontà possa sempre valere come principio

di una legislazione universale

Immanuel Kant

 


parlare a voce alta, da soli, fa l'effetto

di un dialogo con il dio che si ha dentro

Victor Hugo

 


movimento è tutto

Eduard Bernstein

 


Se questo è un uomo

Voi che vivete sicuri
Nelle vostre tiepide case,
Voi che trovate tornando a sera
Il cibo caldo e visi amici
  Considerate se questo è un uomo
  Che lavora nel fango
  Che non conosce pace
  Che lotta per mezzo pane
  Che muore per un sì o per un no.
  Considerate se questa è una donna,
  Senza capelli e senza nome
  Senza più forza di ricordare
  Vuoti gli occhi e freddo il grembo
  Come una rana d’inverno.
Meditate che questo è stato:
Vi comando queste parole.
Scolpitele nel vostro cuore
Stando in casa andando per via,
Coricandovi alzandovi;
Ripetetele ai vostri figli.
  O vi si sfaccia la casa,
  La malattia vi impedisca
  I vostri nati torcano il viso da voi

Primo Levi


 

 

 

 

  

 

philosophes



 




questo blog sostiene «Riformisti», il blog dei blog riformisti



 

sarebbe stato
un Presidente migliore

 


 

sulla coscienza dell'umanità

 

il primo diritto è
il diritto alla vita


 








          
   

CERCA