.
Annunci online

Mietzsche


Diario


30 dicembre 2006

Esportare l'America

Esportare l'America. Questo era il titolo del libro di Christian Rocca, uscito tre anni fa, con il quale il giornalista del Foglio spiegava la strategia neoconservatrice, giustificando la guerra contro l'Iraq in quanto parte di una più generale rivoluzione democratica globale, o almeno mediorientale.
Ecco l'America che Rocca pensava ingenuamente (lasciatemi usare questo eufemismo per non essere inutilmente volgare) fosse possibile esportare con i marines in assetto da guerra:
"Uozzamerica? Non è un luogo né un continente. E' la normalità, l'insostituibile libertà di essere normali. L'America è ovunque. E' la nostra vita: un lavoro che a volte soddisfa e a volte no; una famiglia e una casa; alzarsi la mattina, fare colazione e andare in ufficio. Questa è l'America. Poi si gioca, si scherza, si mangia, si litiga, ci si diverte. A volte si piange. Non sono solo rose e fiori in America. Ma ci sono gli amici, c'è il cinema, c'è l'amore, c'è la partita in tv".
Ecco l'America che è stata esportata in Iraq:
Uozzamerica? Non è un luogo né un continente. E' la guerra, l'insostituibile angoscia di essere in guerra. L'America è ovunque. E' la vita quotidiana: un'autobomba che esplode mentre sei in fila a cercare lavoro; una famiglia sterminata dai bombardamenti o dalle violenze settarie, una casa distrutta o abbandonata; alzarsi nel cuore nella notte, con l'ansia di essere rapiti, rapinati, uccisi, stuprati, torturati, arrestati. Questà è l'America. Poi si scappa, si va in esilio volontario, ci si arruola nella polizia o nelle milizie, si muore. Si piange sempre. Non sono rose e fiori l'America. Non ci sono più amici, c'è Abu Ghraib, c'è l'odio, c'è l'esecuzione in tv".

L'Iraq di Saddam era un Paese in catene, governato da un regime brutale, da un dittatore sadico.
Ci sono dei giorni in cui l'America è un miraggio, una speranza, un'illusione, un progetto per il futuro, un orgoglio per l'Occidente, una sorella dell'Europa.
Ci sono dei giorni in cui l'America fa proprio schifo. E questo è uno di quei giorni.




permalink | inviato da il 30/12/2006 alle 12:18 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (2) | Versione per la stampa
sfoglia     settembre        febbraio
 
 




blog letto 1 volte
Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom

COSE VARIE

Indice ultime cose
Il mio profilo

RUBRICHE

Diario
un po' di sinistra
un po' di politica internazionale
un po' di letteratura

VAI A VEDERE

Unione europea
United Nations
DS
The Labour Party
Democrats
PES
Sinistra giovanile Lucchese
il Riformista
la Repubblica
Corriere della Sera
IL FOGLIO
Le Monde
The New York Times
The Guardian
Filosofia
Arte
Letteratura
Cinema
Falstaff
Windrosehotel
Iranwatch
Nilus
Libertari
Regimechange
Informazionescorretta
Francescoblog
Poverobucharin
Panther


Consapevolezze

 

Gomitoli di fumo

che si alzano dalla mente

mi riempiono di coscienza

 

Rime di miele

che colano dal cuore

mi appiccicano gusti d'amore

 

Mattoni rossi

che restaurano la vergogna

mi circondano di fortezza morale

 

Soffitti di lampadine

che proteggono dal vento

mi bastano per dimenticare le stelle

 

Gocce gemelle

che confondono i mari

mi danno identità

 

Catene di cristallo

mi assicurano alla vita

 

MICHELE BINCI

 


agisci in modo che la massima della tua

volontà possa sempre valere come principio

di una legislazione universale

Immanuel Kant

 


parlare a voce alta, da soli, fa l'effetto

di un dialogo con il dio che si ha dentro

Victor Hugo

 


movimento è tutto

Eduard Bernstein

 


Se questo è un uomo

Voi che vivete sicuri
Nelle vostre tiepide case,
Voi che trovate tornando a sera
Il cibo caldo e visi amici
  Considerate se questo è un uomo
  Che lavora nel fango
  Che non conosce pace
  Che lotta per mezzo pane
  Che muore per un sì o per un no.
  Considerate se questa è una donna,
  Senza capelli e senza nome
  Senza più forza di ricordare
  Vuoti gli occhi e freddo il grembo
  Come una rana d’inverno.
Meditate che questo è stato:
Vi comando queste parole.
Scolpitele nel vostro cuore
Stando in casa andando per via,
Coricandovi alzandovi;
Ripetetele ai vostri figli.
  O vi si sfaccia la casa,
  La malattia vi impedisca
  I vostri nati torcano il viso da voi

Primo Levi


 

 

 

 

  

 

philosophes



 




questo blog sostiene «Riformisti», il blog dei blog riformisti



 

sarebbe stato
un Presidente migliore

 


 

sulla coscienza dell'umanità

 

il primo diritto è
il diritto alla vita


 








          
   

CERCA