.
Annunci online

Mietzsche


Diario


15 giugno 2006

Sarebbe stato un Presidente migliore

No American leader can remain silent on Iraq.
The outcome of what is now a civil war in Iraq cannot be determined by American military force. It has to be solved by Iraqis brought together to hammer out their differences. Period. It is time for Iraqis to stand up for Iraq.
Our soldiers are fighting and dying in the third war in Iraq -- not the war for mythical weapons of mass destruction or the war President Bush said had to be fought against armies of foreign jihadists, but an escalating civil war between Sunni and Shia.
Meanwhile, dissent and debate are being stifled here at home. It's time to act -- and this week, perhaps as early as tomorrow, every U.S. Senator will have that chance.
The Senate will vote on my amendment which calls for the withdrawal of American combat troops from Iraq by the end of this year. For months, you and I have been pressing for this step. We've made it clear that we needed to set deadlines in Iraq -- and with the formation of an Iraqi unity government and the killing of Al-Zarqawi, this is a moment of truth in Iraq.
Now a critical vote is at hand. Our brave soldiers have done their work. It's time to put the future of Iraq in the hands of the Iraqi people.
I don't know how many Senators will stand with me on this vote. But, I do know this: pushing the Iraqi government to coordinate with us on withdrawal of U.S. combat troops and pressing for the convening of a Dayton-like summit to reach a comprehensive political agreement for Iraq is the right thing to do. And we can't stop working for that outcome until we make it a reality.
Every Senator that chooses to stand with us will add momentum to our call for an end to the misguided and self-defeating policies of the Bush administration.
Changing America's course in Iraq is one of the toughest political challenges you and I have ever taken on. But, we won't relent until we get the job done -- and we have to make the most of every opportunity to make ourselves heard.
I will be making myself heard on the floor of the United States Senate -- loudly and clearly. You can make our call for a dramatic change in direction even louder and clearer.

John Kerry




permalink | inviato da il 15/6/2006 alle 11:4 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (6) | Versione per la stampa
sfoglia     maggio        luglio
 
 




blog letto 1 volte
Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom

COSE VARIE

Indice ultime cose
Il mio profilo

RUBRICHE

Diario
un po' di sinistra
un po' di politica internazionale
un po' di letteratura

VAI A VEDERE

Unione europea
United Nations
DS
The Labour Party
Democrats
PES
Sinistra giovanile Lucchese
il Riformista
la Repubblica
Corriere della Sera
IL FOGLIO
Le Monde
The New York Times
The Guardian
Filosofia
Arte
Letteratura
Cinema
Falstaff
Windrosehotel
Iranwatch
Nilus
Libertari
Regimechange
Informazionescorretta
Francescoblog
Poverobucharin
Panther


Consapevolezze

 

Gomitoli di fumo

che si alzano dalla mente

mi riempiono di coscienza

 

Rime di miele

che colano dal cuore

mi appiccicano gusti d'amore

 

Mattoni rossi

che restaurano la vergogna

mi circondano di fortezza morale

 

Soffitti di lampadine

che proteggono dal vento

mi bastano per dimenticare le stelle

 

Gocce gemelle

che confondono i mari

mi danno identità

 

Catene di cristallo

mi assicurano alla vita

 

MICHELE BINCI

 


agisci in modo che la massima della tua

volontà possa sempre valere come principio

di una legislazione universale

Immanuel Kant

 


parlare a voce alta, da soli, fa l'effetto

di un dialogo con il dio che si ha dentro

Victor Hugo

 


movimento è tutto

Eduard Bernstein

 


Se questo è un uomo

Voi che vivete sicuri
Nelle vostre tiepide case,
Voi che trovate tornando a sera
Il cibo caldo e visi amici
  Considerate se questo è un uomo
  Che lavora nel fango
  Che non conosce pace
  Che lotta per mezzo pane
  Che muore per un sì o per un no.
  Considerate se questa è una donna,
  Senza capelli e senza nome
  Senza più forza di ricordare
  Vuoti gli occhi e freddo il grembo
  Come una rana d’inverno.
Meditate che questo è stato:
Vi comando queste parole.
Scolpitele nel vostro cuore
Stando in casa andando per via,
Coricandovi alzandovi;
Ripetetele ai vostri figli.
  O vi si sfaccia la casa,
  La malattia vi impedisca
  I vostri nati torcano il viso da voi

Primo Levi


 

 

 

 

  

 

philosophes



 




questo blog sostiene «Riformisti», il blog dei blog riformisti



 

sarebbe stato
un Presidente migliore

 


 

sulla coscienza dell'umanità

 

il primo diritto è
il diritto alla vita


 








          
   

CERCA