.
Annunci online

Mietzsche


Diario


12 giugno 2006

I mondiali su internet e lo spirito di rivolta degli internauti

Ieri pomeriggio, verso le 18.30, mi sono collegato, come spesso accade, con Repubblica.it per leggere qualche notizia dell'ultim'ora. La finestra dedicata a Germania 2006 prevedeva la possibilità di seguire in diretta la partita, in quel momento Iran-Messico, leggendo i commenti del giornalista presente allo stadio, o magari semplicemente seduto di fronte a un televisore collegato a Sky!
"Leggere un incontro di calcio" è tanto noioso quanto ridicolo, ma c'era una funzione interessante che mi ha spinto a cliccare sul titolo "DIRETTA Iran-Messico", cioè la possibilità offerta agli utenti connessi di lasciare commenti sulla partita, come in una chat aggiornata ogni pochi secondi. Ho pensato che sarebbe stato divertente leggere cosa ne pensassero i lettori di Repubblica.it dei mondiali appena iniziati e della partita in questione, anche a causa della molteplici polemiche che hanno accompagnato l'arrivo della selezione iraniana in terra tedesca. Ma quando ho scoperto di cosa davvero si stava discutendo sulla chat di Repubblica.it dedicata ai mondiali, sono rimasto ancora più piacevolmente sopreso di quanto potessi aspettarmi. 
Si discuteva animatamente di come concretamente riuscire a visualizzare le partite del mondiale in corso, senza avere l'abbonamento a SKY! I siti internet e i programmi di webTV consigliati si sprecavano. In sostanza ci si collega con programmi di peer to peer televisivo a canali in chiaro di altre nazioni che hanno pagato, a differenza della nostra cara RAI, i diritti televisivi per trasmettere le partite; per ascoltare la telecronaca in italiano basta connettersi con RadioUno sul sito della RAI e il gioco è fatto! L'operazione è davvero semplice e alla portata di tutti. 
Le potenzialità che internet offre alla nostra generazione per sfuggire alla schiavitù imposta da un sistema economico il più delle volte monopolistico o comunque anticoncorrenziale, sono davvero enormi e affascinanti. La musica e i film sono stati strappati, grazie ai programmi di peer to peer, alle case editrici e ai loro prezzi esorbitanti, Skype ha infranto il muro della comunicazione, adesso anche quello della televisione sta barcollando.
Internet è vera anarchia, dove ogni individuo, se preparato e cosciente delle risorse a sua disposizione, può uscire dalla gabbia dorata del sistema. In sempre più occasioni.  

Aggiungo solamente che alla fine del primo tempo di Iran-Messico, la redazione di Repubblica.it ha interrotto la chat, senza alcuna spiegazione, dando appuntamento agli utenti alla partita di oggi pomeriggio. Tutto previsto, oppure lo spirito di rivolta degli internauti era del tutto imprevisto!?




permalink | inviato da il 12/6/2006 alle 11:40 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (7) | Versione per la stampa
sfoglia     maggio        luglio
 
 




blog letto 1 volte
Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom

COSE VARIE

Indice ultime cose
Il mio profilo

RUBRICHE

Diario
un po' di sinistra
un po' di politica internazionale
un po' di letteratura

VAI A VEDERE

Unione europea
United Nations
DS
The Labour Party
Democrats
PES
Sinistra giovanile Lucchese
il Riformista
la Repubblica
Corriere della Sera
IL FOGLIO
Le Monde
The New York Times
The Guardian
Filosofia
Arte
Letteratura
Cinema
Falstaff
Windrosehotel
Iranwatch
Nilus
Libertari
Regimechange
Informazionescorretta
Francescoblog
Poverobucharin
Panther


Consapevolezze

 

Gomitoli di fumo

che si alzano dalla mente

mi riempiono di coscienza

 

Rime di miele

che colano dal cuore

mi appiccicano gusti d'amore

 

Mattoni rossi

che restaurano la vergogna

mi circondano di fortezza morale

 

Soffitti di lampadine

che proteggono dal vento

mi bastano per dimenticare le stelle

 

Gocce gemelle

che confondono i mari

mi danno identità

 

Catene di cristallo

mi assicurano alla vita

 

MICHELE BINCI

 


agisci in modo che la massima della tua

volontà possa sempre valere come principio

di una legislazione universale

Immanuel Kant

 


parlare a voce alta, da soli, fa l'effetto

di un dialogo con il dio che si ha dentro

Victor Hugo

 


movimento è tutto

Eduard Bernstein

 


Se questo è un uomo

Voi che vivete sicuri
Nelle vostre tiepide case,
Voi che trovate tornando a sera
Il cibo caldo e visi amici
  Considerate se questo è un uomo
  Che lavora nel fango
  Che non conosce pace
  Che lotta per mezzo pane
  Che muore per un sì o per un no.
  Considerate se questa è una donna,
  Senza capelli e senza nome
  Senza più forza di ricordare
  Vuoti gli occhi e freddo il grembo
  Come una rana d’inverno.
Meditate che questo è stato:
Vi comando queste parole.
Scolpitele nel vostro cuore
Stando in casa andando per via,
Coricandovi alzandovi;
Ripetetele ai vostri figli.
  O vi si sfaccia la casa,
  La malattia vi impedisca
  I vostri nati torcano il viso da voi

Primo Levi


 

 

 

 

  

 

philosophes



 




questo blog sostiene «Riformisti», il blog dei blog riformisti



 

sarebbe stato
un Presidente migliore

 


 

sulla coscienza dell'umanità

 

il primo diritto è
il diritto alla vita


 








          
   

CERCA