.
Annunci online

Mietzsche


Diario


28 maggio 2006

Da sinistra a sinistra

La sinistra, intesa come identità politica progressista, ha dalla sua le ragioni e i sentimenti più autentici e condivisibili delle donne e degli uomini, penso innanzitutto alla solidarietà, mentre ciò che da sempre l'ha rovinata e continua, anche se in misura minore, a rovinarla, è l'ideologia.

La spasmodica ricerca di un pensiero totalizzante, che si tramuta immancabilmente in totalitario, capace di definire e indirizzare ogni aspetto della vita sociale, economica ma anche personale dell'uomo, è una necessità talmente irrinunciabile da comportare l'impossibilità di staccarsi dal filosofo politico che più di tutti è riuscito a rispondere a tale necessità: Marx.

Se voi pensate che io voglia dimenticare la lezione, dirò di più, l'intuizione marxista di metà ottocento, vi sbagliate di grosso. Ma esiste il superamento. Conoscere, giudicare, interiorizzare e superare, che non significa certamente cancellare.
Le tesi di Smith sono interessanti, come lo sono quelle di Ricardo, oppure di Locke, financo di Hobbes se vogliamo allargare il contesto liberale. Sono autori la cui lezione è importante, ma certamente non sono oggi la base per una realistica strategia programmatica!


Ho approfondito molto le origini del pensiero socialdemocratico e Marx né è il principale pilastro.
Ma se nel 1899 Bernstein riteneva che  la prognosi della rivoluzione proletaria, fondata sull’acutizzazione dei rapporti sociali prevista dal Manifesto marx-engelsiano si dimostrasse già al suo tempo errata, figuariamoci cosa posso pensare di chi oggi di fronte alle sfide del mercato globale, all'architettura finanziaria internazionale, ai nuovi rapporti sociali interni alle società occidentali, alle problematiche di sviluppo dei Paesi più poveri, all'emergere di nuove superpotenze geopolitiche del tutto originali per le loro caratteristiche socioeconomiche, di fronte, in definitiva, alla realtà nella quale siamo immersi nell’anno corrente 2006 mi ripropone come valido e attuale... il marxismo. Penso che la sinistra, esattamente in virtù della sua storia, si meriti di più.

Ci sono linee di pensiero contemporanee di grande rilevanza e interesse per la sinistra, che dovrebbero interessarci (mi ci metto dentro anch'io) tutti quanti. Uno su tutti Philip Pettit e la sua teoria sul neorepubblicanesimo, base identitaria della sinistra zapateriana.

La dottrina politica è importante quanto l'azione di governo, sono il primo a dirlo, per questo scegliere quella più appropiata, non quella più romantica, è un compito fondamentale per guidare la società verso un graduale progesso sociale, economico e culturale. 

Per inciso. L'uguaglianza sostanziale è illiberale per sua stessa natura perché parifica ciò che è differente e non permette al singolo di realizzare se stesso secondo le proprie potenzialità. L'uguaglianza delle opportunità (istruzione pubblica uguale per tutti, assistenza sanitaria universale uguale per tutti, legge uguale per tutti, ecc.) è vera libertà. 

Un saluto, cari compagni.




permalink | inviato da il 28/5/2006 alle 13:26 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (13) | Versione per la stampa
sfoglia     aprile        giugno
 
 




blog letto 1 volte
Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom

COSE VARIE

Indice ultime cose
Il mio profilo

RUBRICHE

Diario
un po' di sinistra
un po' di politica internazionale
un po' di letteratura

VAI A VEDERE

Unione europea
United Nations
DS
The Labour Party
Democrats
PES
Sinistra giovanile Lucchese
il Riformista
la Repubblica
Corriere della Sera
IL FOGLIO
Le Monde
The New York Times
The Guardian
Filosofia
Arte
Letteratura
Cinema
Falstaff
Windrosehotel
Iranwatch
Nilus
Libertari
Regimechange
Informazionescorretta
Francescoblog
Poverobucharin
Panther


Consapevolezze

 

Gomitoli di fumo

che si alzano dalla mente

mi riempiono di coscienza

 

Rime di miele

che colano dal cuore

mi appiccicano gusti d'amore

 

Mattoni rossi

che restaurano la vergogna

mi circondano di fortezza morale

 

Soffitti di lampadine

che proteggono dal vento

mi bastano per dimenticare le stelle

 

Gocce gemelle

che confondono i mari

mi danno identità

 

Catene di cristallo

mi assicurano alla vita

 

MICHELE BINCI

 


agisci in modo che la massima della tua

volontà possa sempre valere come principio

di una legislazione universale

Immanuel Kant

 


parlare a voce alta, da soli, fa l'effetto

di un dialogo con il dio che si ha dentro

Victor Hugo

 


movimento è tutto

Eduard Bernstein

 


Se questo è un uomo

Voi che vivete sicuri
Nelle vostre tiepide case,
Voi che trovate tornando a sera
Il cibo caldo e visi amici
  Considerate se questo è un uomo
  Che lavora nel fango
  Che non conosce pace
  Che lotta per mezzo pane
  Che muore per un sì o per un no.
  Considerate se questa è una donna,
  Senza capelli e senza nome
  Senza più forza di ricordare
  Vuoti gli occhi e freddo il grembo
  Come una rana d’inverno.
Meditate che questo è stato:
Vi comando queste parole.
Scolpitele nel vostro cuore
Stando in casa andando per via,
Coricandovi alzandovi;
Ripetetele ai vostri figli.
  O vi si sfaccia la casa,
  La malattia vi impedisca
  I vostri nati torcano il viso da voi

Primo Levi


 

 

 

 

  

 

philosophes



 




questo blog sostiene «Riformisti», il blog dei blog riformisti



 

sarebbe stato
un Presidente migliore

 


 

sulla coscienza dell'umanità

 

il primo diritto è
il diritto alla vita


 








          
   

CERCA